0 voti
da
Continuiamo ad occuparci, anche in questa guida, della cura dell’igiene del neonato. Potete trovare qualche altra curiosita’ in queste righe…
 

 
Istruzioni:


1) Per quanto riguarda l’igiene e la cura del neonato, un aspetto importante e’ la cura delle unghie.
Quando il piccolo nasce, le unghiette sono perfettamente formate, a volte il bimbo nasce perfino con le unghiette piuttosto lunghe e bisogna gia’ accorciarle.

2) Quando il neonato ha le unghiette lunghe, occorre accorciarle per evitare che il piccolo si possa graffiare, specialmente sul faccino.
Alcune pubblicazioni non concordano sul taglio delle unghie. Ma quando vi e’ la necessita’ non bisogna rimandare.

3) In questo caso, la cura e l’igiene delle unghie del piccolo, deve iniziare gia’ da subito, da appena nato.
Basta procurarsi un paio di forbicine con le punte arotondate, quelle apposite per neonati. Questo per evitare di pungerlo, a causa di un movimento improvviso o inaspettato che il bimbo potrebbe fare.

4) Non si deve temere di poter far male al piccolo. Le sue unghie sono esattamente come le nostre, solo che molto piu’ tenere e delicate. Si possono quindi tagliare con tranquillita’. L’importante e’ tenere fermo il piccolo, tenere ferma la sua manina, appunto per evitare movimenti bruschi e pericolosi.

5) Tagliare le unghie al piccolo non gli provoca alcuna sensazione di dolore. L’unica accortezza e’ solo quella di non tagliare la piccola unghia troppo in profondita’ poiche’ l’unghia se tagliata troppo puo’ dare dolore.
Il taglio delle unghie e’ importante perche’ gia’ cosi’ piccole, sono affilate e il bambino potrebbe graffiarsi.

6) Ma oltre a questo motivo, e’ bene tagliare le unghie anche perche’ sotto le unghie si deposita facilmente lo sporco. Anche se il bambino, quando e’ piccolo non tocca ancora nulla nell’ambiente che lo circonda, la parte sotto l’unghia puo’ sempre essere causa di infezione, a causa dello sporco che vi si deposita.

7) Poi, con il passare del tempo e man mano che il bambino cresce, il taglio delle unghie diventera’ piu’ frequente e sempre piu’ necessario. Infatti sappiamo che tutti i bambini, crescendo iniziano a portare le mani in bocca. Per questo devono essere pulite.

8) Oltre a questo, ancora, il piccolo iniziera’ pian piano a toccare tutti gli oggetti, quando poi iniziera’ a camminare gattonando, si appoggera’ con le manine sul pavimento e portando poi le manine alla bocca, potrebbe molto facilmente prendere infezioni.

9) Oltre al taglio delle unghiette poi, bisognera’ lavare spesso le manine del piccolo. Non solo per bene sotto le unghie, ma tutte le manine con acqua e sapone, in modo da eliminare tutti i germi con cui il piccolo potrebbe essere venuto a contatto.

10) Unghie e manine andranno quindi lavate per bene, ripetutamente piu’ volte al giorno. Non solo con acqua corrente. Ma anche con sapone o detergente delicato. E soprattutto, una volta lavate con sapone, bisognera’ sempre risciacquarle accuratamente. Sempre per evitare che il bambino possa ingerire il sapone, mettendo le manine in bocca.

11) Naturalmente, piu’ il piccolo si muove, tocca, ha possibilita’ di venire a contatto con i germi, maggiore sara’ l’attenzione alla cura e all’igiene delle sue manine. Poi, verso i due anni di eta’, alcuni bimbi iniziano a mangiarsi le unghie.

12) In quel periodo allora le unghie dovranno essere curate ancora piu’ del solito. Bisognera’ tenerle corte, sempre per evitare che vi si annidino o si depositano germi e batteri che il bimbo puo’ prendere toccando ovunque, nell’ambiente.

13) Cura e igiene della pelle
la pelle del neonato e’ sempre molto molto delicata. E’ molto sottile, come uno strato di carta velina e bisogna proprio per questo, fare particolarmente attenzione. Inannzitutto bisogna proteggerla non adoperando sostanze troppo aggressive.

14) Molte sostanze, e molti detergenti non sono adatti alla pelle delicata dei neonati e dei bambini piccoli e vanno evitati perche’ possono provocare secchezza e arrossamenti fastidiosi al piccolo.
Bisogna sempre usare appositi detergenti delicati e per bambini.

15) La pelle del piccolo richiede cure e attenzioni particolari.
Soprattutto parti ancora piu’ delicate come la pelle del viso, la pelle del sederino, le ascelle e le zone delicate delle pieghe cutanee devono sempre essere tenute pulite.

16) Nel detergere queste zone delicate, bisognera’ anche avere l’accortezza di non strofinare quando si asciuga il bimbo bagnato, ad esempio subito dopo il bagnetto. Bisogna invece asciugarlo molto delicatamente, tamponando invece di strofinare.

17) Anche l’umidita’ sotto le ascelle e nelle pieghe della pelle puo’ provocare irritazioni fastidiose e puo’ essere sede di batteri pericolosi. Quindi anche questa parte del corpo va tenuta accuratamente pulita e asciutta. Avendo sempre cura di asciugare tamponando e non strofinando.

18) Il sederino e’ un’altra parte molto delicata. Bisogna tenere anche la pelle di questa zona accuratamente pulita perche’ a contatto con l’urina o con il pannolino sporco o bagnato, si puo’ molto facilmente irritare e screpolare, creando fastidiosi arrossamenti.

19) Anche quando il piccolo prende il latte, la pelle andra’ subito accuratamente pulita, perche’ i residui del latte, cosi’ come anche i residui del sapone o del detergente quando non e’ accuratamente risciacquato, possono causare irritazioni fastidiose.

20) E’ sufficiente pulire la pelle, in questi casi, con semplice acqua, non troppo fredda. Se necessario anche facend il bagnetto fuori orario.
Tenete poi presente che anche la semplice acqua puo’ irritare la pelle o seccarla, ad esempio se e’ troppo calda o troppo fredda.

Fai il log in oppure registrati per rispondere al quesito.

Benvenuto in Come si fa, dove potrai porre quesiti e ricevere risposte da altri membri della community.
...